Faq

CORSO PRATICO IN STREAMING

Il corso si svolge in modalità Streaming in AULE VIRTUALI residenti nell’Area Intranet riservata del sito

Le simulazioni vengono effettuate presentando un caso sulla base del quale viene chiesta la redazione di un parere o di un atto giudiziario.
Le tracce vengono predisposte prendendo spunto da recenti casi di giurisprudenza che, il più delle volte, si sono posti all’attenzione degli interpreti perché alimentano un contrasto giurisprudenziale ovvero perché comunque costituiscono importanti affermazioni di peculiari principi di diritto.
Trattasi, in realtà, dei medesimi criteri che vengono abitualmente seguiti nella scelta dei casi da sottoporre all’esame e non è quindi infrequente che si affronti durante il corso una questione che poi viene presentata anche all’esame.
Per non agevolare troppo il lavoro dei corsisti, non viene comunque preventivamente segnalato l’argomento sul quale verteranno le singole esercitazioni, se non, ovviamente, in caso di esame scritto il tipo di elaborato che dovrà essere redatto (parere di diritto civile, parere di diritto penale o atto giudiziario).

Il corso è destinato a preparare i praticanti che sono in procinto di terminare il secondo anno di pratica, in vista dell’esame scritto che si tiene intorno alla metà di dicembre.
In questa prospettiva, il corso è strutturato in modo da condurre i candidati, attraverso un intensivo lavoro di esercitazioni pratiche nei mesi antecedenti l’esame, alla migliore preparazione possibile.
È evidente, quindi, che le finalità del corso non consentono di svolgere lezioni teoriche di diritto di carattere istituzionale destinate al ripasso delle materie sulle quali vertono le prove scritte.
Chi si accinge a frequentare il corso dovrebbe, pertanto, avere già effettuato questa attività di studio, concentrandola soprattutto sugli aspetti istituzionali che più servono per affrontare i quesiti di esame e dando quindi particolare rilievo ai fondamenti dei principali istituti del diritto privato, a quelli della parte generale del diritto penale ed alle regole fondamentali dei tipi di atto giudiziario (nelle diverse materie per viste) dei quali maggiormente viene richiesta la redazione in sede di esame.
Con questo (peraltro abbastanza essenziale) bagaglio di preparazione teorica è quindi possibile affrontare utilmente le esercitazioni pratiche oggetto del corso, con le quali si avrà poi modo di approfondire i singoli temi che costituiscono oggetto del quesito, senza doversi “preoccupare” di indagare gli aspetti istituzionali che si danno già per acquisiti.

Al termine di ogni prova, si tiene una sessione orale durante la quale in aula si discute collegialmente del compito appena svolto, sotto la guida del docente che procede, anche mediante l’analisi della giurisprudenza a cui è ispirata la traccia, all’illustrazione dei fondamenti del quesito che costituiscono poi la base della correzione dell’elaborato.
Nel corso della settimana ogni elaborato o schema viene poi singolarmente corretto da un docente, con attenzione sia all’applicazione del metodo compositivo, sia (ovviamente) alla forma ed al contenuto dello scritto.
Ad ogni compito vengono quindi fatte osservazioni e correzioni sia nel corpo del testo, sia in calce ad esso.
La riconsegna degli elaborati avviene nei giorni immediatamente successivi e comunque entro e non oltre il venerdì successivo alla loro redazione con appostia modalità in AREA DI GESTIONE (appositamente approntata in AREA INTRANET) ove sono stati posti in upload per la consegna secondo le indicazioni presenti.

A ciascun corsista verrà consegnato anche a mezzo postale un kit completo per la preparazione in vista dell’esame che potrà variare a seconda che la modalità dello stesso sia per “scritto” o per “orale rafforzato”.
Si rimanda per questo alla pagina del sito sempre aggiornata in relaizone a tale variabile.
Si tratta di opere edite da CELT (Casa Editrice La Tribuna) e curate dagli avvocati Colli, Ferri e Gennari, ideatori del metodo compositivo Ius&Law e fondatori del corso.

Le iscrizioni possono essere fatte unicamente tramite la Ius&Law uitilizzando una delle seguenti modalità:

  • compilare l’apposito form on-line di preiscrizione presente sul sito;
  • reperire il modulo preiscrizioni, a partire dal mese di maggio, presso alcune delle principali librerie giuridiche delle città dove si svolge il corso, oppure durante gli incontri di presentazione dei corsi, compilarlo ed inviarlo via mail ad info@ius-law.com.

Al ricevimento della preiscrizione, la Ius&Law provvede, previa verifica della disponibilità di posti per la sede richiesta, ad inviare un modulo da ritornare firmato, unitamente a copia del versamento della caparra, per il perfezionamento dell’iscrizione.
La risposta alle comunicazioni mail arriveranno non prima di 24 ore dal ricevimento delle stesse, sia che si tratti di richieste di iscrizione, sia si tratti di invii di bonifici a conferma del pagamento avvenuto; si prega pertanto di non telefonare prima di 24 ore dall’invio della mail per chiedere la conferma della ricezione.
Nella preiscrizione potranno anche essere indicati i dati per l’intestazione della fattura che verrà emessa da parte di Ius&Law al momento del saldo dell’intero prezzo del corso, dati che, in ogni caso, (per ovvie ragioni organizzative) non potranno successivamente all’emissione della fattura essere modificati integrati o modificati.

Il pagamento avviene a mezzo bonifico (o carta di credito) da effettuarsi in due rate:

  • la prima, a titolo di caparra confirmatoria, all’atto dell’iscrizione ed è propedeutica al perfezionamento della stessa;
  • la seconda rata deve invece essere corrisposta entro la data (indicativamente fine ottobre o fine novembre dellìanno in cui si tiene il corso) che verrà comunicata ed aggiornata tempestivamente.

La fattura viene emessa all’atto del pagamento del saldo del prezzo del corso e sulla base dei dati forniti integrabili fino a quel momento.